#DLDM (s)fashion style: GOTHIC

Indovina indovinello. Di che parleremo oggi??
ESATTO. Lo stile GOTHIC. Un’altra voce nel nostro LUNGO elenco di cose da evitare come lammmooorte.
Innanzi tutto non siamo a un funerale e quindi tutto sto nero magari anche no (anche se invero il colore nero sfina e si abbina con tutto, soprattutto con la nostra tristezza interiore) ma soprattutto perchè una nonna che fa la darkettona non s’è mai vista e manco la vogliamo vedere, ecco.

Leggiamo su wikipedia:

La moda gotica o moda goth, talvolta chiamata impropriamente moda dark in Italia, è un termine che sta ad indicare vari tipi di abbigliamento e di stili estetici che caratterizzano le diverse categorie del movimento gotico. La caratteristica che accomuna tutte le varie sottocategorie di moda goth è la tendenza ad usare il colore nero. Questo abbigliamento è stereotipato come dark, oscuro, a volte morboso, erotico o esageratamente enfatizzato, quasi camp. La tipica moda gotica include dettagli come lo smalto nero, rossetto nero, i vestiti neri, collane, ciondoli e anelli argentati e non dorati, borchie, croci, trucco e capelli neri, piercing e catene. In alcune categorie di moda gotica, buone quantità di accessori sono ispirati alla moda vittoriana.

Ho appurato che il gothic ha varie diramazioni: il punk gothic, il gothic lolita, il cyber gothic. Ognuna fa schifo a modo suo!
Un tripudio di merletti, corsetti, borchie, laccetti, nastri, collarini e così via; tutti rigorosamente viola scuro, rosso scuro, *inserire colore* scuro o nero (come la nostra anima corrotta!).
Alla nostra età dovremmo esorcizzare l’imminente iscurità della morte aggiungendo del colore ai nostri outfit , sempre con MOLTA moderazione ovviamente ed evitando colori troppo accesi o fluo, il total black lasciamolo alle vedove, e i merlettini e pizzettini alle neonate che noi giusto il macramè ci possiamo permettere.

E siccome il modo migliore di sconfiggere il nemico è di conoscerlo, vi mostro a cosa mi riferisco ricorrendo al nostro amico Amazon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *